Il Parco dei Mostri di Bomarzo tra amore e morte

0 Comments


« Tu ch'entri qua con mente parte a parte et dimmi poi se tante meraviglie sien fatte per inganno o pur per arte. »







Rientra certamente tra le cose da vedere tra Lazio e Umbria non fosse per il salasso del biglietto.Il posto si trova in capo al mondo quindi per arrivarci bisogna essere ben determinati.Diciamo che è situato a pochi chilometri da Viterbo ma la strada pare infinita.
10 euro a persona,o 15, non rammento, per entrare nel parco mi sembrano un tantino eccessivi.
Il giro si percorre in un'oretta, quando arriverete potrete lasciare la macchina nel parcheggio non custodito.
Dopo anni di incuria e abbandono, il parco è stato restaurato per poter esser riaperto al pubblico. Spesso ,per la peculiarità del luogo ,è stato usato come location di spot pubblicitari, documentari e film .

Nacque per volontà del principe Pier Francesco Orsini detto Vicino "sol per sfogare il core"..un dono d'amore alla moglie diventato poi il sigillo della sua tomba
La costruzione del giardino accelerò quando Giulia Farnese morì e l'Orsini decise di ritirarsi in privato, sfogando la propria tristezza ma anche dedicarsi alle discipline alchemiche ed esoteriche.
E' un luogo fatto di intrichi di simboli ancor oggi non ben decodificati, ne si parla nel  Canzoniere di Petrarca, ma anche nell'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, diversi studiosi e letterati rimasero affascinati da questo luogo carico di significati simbolici ed alchemici.Grottesche trasposte in pietra dove creature mitologiche diventano protagoniste di un posto che rappresenta certamente un unicum.
Si doveva realizzare un luogo dove fosse possibile  “sfogare il core",  ma anche stupirei i visitatori, conducendoli in una dimensione onirica, stimolando intelletto a e  cultura, dove   la mitologia trova dialogo con il paesaggio in un avvicendarsi  di sirene, mostri marini, tartarughe giganti, satiri,  falsi sepolcri e giochi illusionistici.

Sono fortemente affascinata da tutti quei luoghi e monumenti misteriosi ed indecifrabili quindi  non potevo mancare visita.
Entrando in questo luogo, sarete accolti dai versi incisi sotto le due Sfingi. Vedrete improvvisamente apparire animali e figure in pietra, un elefante che sta per uccidere un guerriero, Draghi in lotta, l'orco, la bella Addormentata nel bosco, Ercole che combatte orsi, seducenti Sirene ed altre figure affascinanti.La gigantesca e spaventosa testa dell'orco dalle fauci spalancate,è certamente la scultura maggiormente conosciuta.Pare che un sapiente gioco di luci la rendano differente  a seconda dell'ora ,come se l'espressione del mostro si animasse misteriosamente.
Troverete un Mappamondo con sopra una i miniatura del Castello Orsini a magnificare la potenza del Casato.  Questo bosco ha ispirato molti artisti del tempo, come l'Annibal Caro ed il Cardinal Modruzzo, che per esprimere la loro meraviglia, vollero lasciare incisi sul posto "epigrafi e versi".

Valentina Giramondo

Some say he’s half man half fish, others say he’s more of a seventy/thirty split. Either way he’s a fishy bastard.

0 commenti:

Valentina Giramondo